Sardegna: bando territoriale SULCIS – POR FESR 2014-2020

AMBITO AGEVOLAZIONE
Regionale

STANZIAMENTO
€ 10.000.000

SOGGETTO GESTORE
Regione Autonoma Sardegna

 

DESCRIZIONE

Bando Territoriale Sulcis (NIT1-T2), POR FESR 2014-2020.

La finalità del Bando è favorire l’aumento della competitività delle micro, piccole e medie imprese (MPMI) del Sulcis attraverso il sostegno agli investimenti materiali e immateriali.

Il bando costituisce una delle procedure di attuazione, ai sensi della D.G.R. n. 52/36 del 28.10.2015, del Piano straordinario per il Sulcis. Il Piano straordinario per il Sulcis definisce una strategia di sviluppo aggregante per il territorio, che mette a sistema diversi strumenti della programmazione regionale all’interno di una visione unitaria e integrata orientati a favorire il rilancio e lo sviluppo su nuove basi della tradizione industriale dell’area e ad individuare ambiti di eccellenza sui quali costruire nuove prospettive di sviluppo e occupazione dell’intera area del Sulcis Iglesiente.

Oggetto del Bando è il sostegno ai Piani di creazione e sviluppo d’impresa costituiti da: 

  • Investimenti produttivi (IP)
  • Servizi (S)
  • Formazione (F)
  • Spese gestione (SG)
  • Capitale circolante (CC).

Sono ammessi i piani relativi ai settori produttivi indicati nelle seguenti sezioni o divisioni individuate sulla base della classificazione economica ATECO 2007, orientati a favorire il rilancio e lo sviluppo su nuove basi della tradizione industriale del Sulcis Iglesiente:

  • (A) Agricoltura, silvicoltura e pesca (limitatamente alla divisione 03)
  • (B) Estrazione di minerali da cave e miniere (escluso il codice 05 estrazione di carbone)
  • (C) Attività manifatturiere
  • (D) Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata (solo codice 35.30)
  • (E) Fornitura di acqua, reti fognarie, attività di gestione dei rifiuti e risanamento
  • (F) Costruzioni
  • (G) Commercio all’ingrosso e al dettaglio; riparazione di autoveicoli e motocicli
  • (H) Trasporto e magazzinaggio (solo codici 49.39.01, 49.39.09, 50.10, 50.30, 52.10.10, 52.10.20)
  • (I) Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione
  • (J) Servizi di informazione e comunicazione
  • (M) Attività professionali, scientifiche e tecniche (escluso il codice 72 ricerca scientifica e sviluppo)
  • (N) Noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imprese
  • (Q) Sanità e assistenza sociale (solo codici 86.22.05, 86.22.06, 86.90.30, 86.90.41, 86.23.00 non convenzionati con il SSN)
  • (R) Attività artistiche, sportive, di intrattenimento e divertimento (escluso codice 92)
  • (S) Altre attività di servizi (escluso codice 94 attività di organizzazioni associative).

Sono ammessi i piani relativi a unità produttive localizzate nei Comuni della ex Provincia di Carbonia Iglesias.

Possono presentare la domanda le imprese operative e le nuove imprese.

Per nuove imprese si intendono:

  • le persone fisiche che intendono avviare una ditta individuale;
  • le società e le ditte individuali già costituite da meno di 5 anni inattive o operative con ricavi da vendite o prestazioni non antecedenti al 2016.

Per imprese operative si intendono le imprese che non rientrano nella definizione di “nuova impresa” (imprese micro, piccole e medie).

Oggetto dell’intervento sono i Piani per la creazione o lo sviluppo d’impresa che privilegino l’introduzione di soluzioni innovative sotto il profilo organizzativo, produttivo o commerciale. Ai fini dell’ammissibilità le attività e i programmi di investimento previsti dal piano non devono essere avviati prima della registrazione della domanda di accesso alle agevolazioni e devono riferirsi ad un’unica unità produttiva. Il piano deve essere realizzato entro 24 mesi dalla data della comunicazione dell’adozione del provvedimento di concessione. La data di conclusione del piano coincide con quella dell’ultimo titolo di spesa relativo allo stesso. Il piano deve riferirsi ad una sola unità produttiva della quale il soggetto beneficiario dovrà attestare la disponibilità al momento della prima richiesta di erogazione, quale condizione per la liquidazione dell’aiuto.

La dotazione complessiva destinata è di euro 10.000.000.

 

BENEFICIARI E FINALITA’

BENEFICIARI
Consorzio; Impresa o Professionista; Privato; Cooperativa

DIMENSIONE BENEFICIARI
micro impresa; piccola impresa; media impresa;

SETTORE
Industria; Turismo; Commercio; Costruzioni; Audiovisivo; Servizi; ICT; Bancario – Assicurativo; Trasporti; Energia; Agricoltura; Pesca e Affari marittimi; Sanità; Cultura; Sociale – No Profit – Altro; Farmaceutico; Alimentare

 

INCENTIVI E SPESE

TIPOLOGIA AGEVOLAZIONE
Contributo; Finanziamento

Per la realizzazione del Piano sono previsti:

  • una sovvenzione a fondo perduto (contributo) calcolato sul valore del Piano ammesso;
  • un finanziamento pubblico a condizioni di mercato e/o finanziamenti a condizioni privilegiate nelle seguenti modalità: finanziamento pubblico diretto, a condizioni di mercato, fino al 50% del valore del piano per la creazione di impresa o sviluppo aziendale con il Fondo Competitività; finanziamento fino al 100% del piano presentato sulla base dell’Accordo di collaborazione tra la Regione Autonoma della Sardegna e la Commissione regionale ABI della Sardegna per agevolare gli investimenti nell’ambito della Programmazione Unitaria 2014-2020 e del POR FESR Sardegna 2014- 2020 (DGR n. 26/22 del 30.05.2017); finanziamenti concessi dalle banche alle MPI a valere sui Plafond di Cassa depositi e prestiti S.p.A. per le finalità di cui all’articolo 3, comma 4 -bis, del D.L. 5/2009 (concessione di finanziamenti, rilascio di garanzie).

La copertura finanziaria del piano al 100%, è valutata sulla basa della documentazione prodotta in sede di domanda prima dell’adozione del provvedimento di concessione provvisoria, pena il rigetto.

Forma dell’aiuto

Nuove imprese

Gli aiuti sotto forma di regime, sono concessi ai sensi dell’articolo 22 del Reg. (UE) n. 651/2014 sul valore del piano, al netto del capitale circolante, è riconosciuta una sovvenzione a fondo perduto entro i massimali previsti dalla Carta degli aiuti di stato, con l’intensità massima del 50%.

Il valore del piano oggetto di aiuto, al netto di IVA è compreso:

  • per le imprese in forma di ditta individuale, da attivare o operative fra 15.000 e 150.000;
  • per le imprese costituite in forma societaria fra 15.000 e 600.000 euro.

Imprese operative

Gli aiuti sotto forma di regime, sono concessi ai sensi degli articoli 14,17,18 e 31 del Reg. (UE) n. 651/2014 ed ai sensi del Reg. (UE) n. 1407/2013. Sul valore del piano è riconosciuta una sovvenzione a fondo perduto entro i massimali previsti dalla Carta degli aiuti di stato o in de minimis:

  • Micro e piccole imprese: 45% ESL (art. 14), 20% ESL (art. 17), 45% ESL (de minimis);
  • Medie imprese: 35% ESL (art. 14), 10% ESL (art. 17), 35% ESL (de minimis);

Investimento minimo

€ 0

Investimento massimo

€ 0

 

TEMPISTICA INVESTIMENTO

Le domande dovranno essere presentate attraverso il sistema informatico Sipes entro il 31 dicembre 2018.

DATA APERTURA

DATA CHIUSURA
31/12/2018

 

Clausola di esclusione di responsabilità
Warrant Group srl non assume alcuna responsabilità per quanto riguarda il contenuto della scheda e ricorda che fanno fede unicamente i testi della legislazione pubblicati nelle edizioni cartacee della Gazzetta Ufficiale e/o Bollettini Ufficiali Regionali e/o qualsiasi altra pubblicazione ufficiale. Warrant Group S.r.l — Corso Mazzini,11 – 42015 Correggio (RE) Italia – Tel. 0522 7337 – Fax. 0522 692586

Categories

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la vostra esperienza di navigazione. Navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie e alla conservazione sul tuo dispositivo. Leggi l'Informativa sulla privacy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi