Piemonte: procedure negoziate per incentivi alla ricerca ed investimenti iniziali

AMBITO AGEVOLAZIONE
Regionale

STANZIAMENTO
€ 0

SOGGETTO GESTORE
Regione Piemonte

 

DESCRIZIONE

Regime per determinate categorie di aiuti di Stato relativi a progetti di ricerca e sviluppo e ad investimenti a finalità regionale.

Con Deliberazione n. 34-10677 del 2 febbraio, pubblicata sul supplemento al B.U.R. n. 7 del 19/02/2009, la Giunta regionale ha approvato un regime di aiuti per alcune categorie di aiuti relativi a progetti di ricerca e sviluppo e ad investimenti a finalità regionale.

I progetti presentati dalle imprese devono avere una coerenza rispetto agli obiettivi della politica di sviluppo regionale, devono rispondere alle sfide che la competitività globalizzata pone al territorio della Regione e devono poter contribuire ad affrontare le criticità del sistema produttivo regionale valorizzandone le potenzialità.
 
Le ipotesi progettuali di investimento possono essere anche acquisite sulla base delle sollecitazioni provenienti da tavoli regionali e locali di partenariato economico e sociale ovvero sulla base di analisi, studi e attività di ricognizione e approfondimento specifiche promossi dalla Regione, anche in relazione alle attività di programmazione operativa e di gestione di specifici progetti/misure e/o strumenti regionali.

I soggetti beneficiari sono i seguenti:

  • piccole, medie e grandi imprese che esercitano attività diretta alla produzione di beni e/o servizi, iscritte al registro delle imprese;
  • organismi di ricerca, ovvero soggetti senza scopo di lucro, quali un’università o un istituto di ricerca, indipendentemente dal suo status giuridico o fonte di finanziamento, la cui finalità principale consiste nello svolgere attività di ricerca di base, di ricerca industriale o di sviluppo sperimentale e nel diffonderne i risultati, mediante l’insegnamento, la pubblicazione o il trasferimento di tecnologie.
I soggetti beneficiari, per accedere all’agevolazione, devono avere una unità produttiva, operativa o di ricerca localizzata in Piemonte.
 
Per quanto riguarda i progetti di ricerca e sviluppo la parte prevalente delle attività ammesse a beneficiare dell’agevolazione devono essere svolte nella Regione Piemonte; in alternativa, i risultati della ricerca devono avere prevalenti ricadute nel territorio piemontese in termini di investimenti e/o successiva produzione dei beni derivanti dall’attività di ricerca.
 
Le attività ammissibili, dal presente regolamento sono le seguenti:
  1. Ricerca e Sviluppo: sono ammissibili progetti di ricerca fondamentale, industriale e/o sviluppo sperimentale;
  2. Aiuti a finalità regionale: sono ammissibili aiuti a finalità regionale a sostegno di investimenti iniziali;
  3. Grandi progetti di investimento.

 

BENEFICIARI E FINALITA’

BENEFICIARI
Consorzio; Impresa o Professionista; Centro educativo o di ricerca; Cooperativa

DIMENSIONE BENEFICIARI
micro impresa; piccola impresa; media impresa; grande impresa;

SETTORE
Industria; Turismo; Commercio; Costruzioni; Audiovisivo; Servizi; ICT; Trasporti; Energia; Sanità; Cultura; Farmaceutico; Alimentare

 

INCENTIVI E SPESE

TIPOLOGIA AGEVOLAZIONE
Contributo; Finanziamento

Le intensità previste sono:

  • Ricerca e sviluppo:
    a) per studi di fattibilità tecnica: i costi per gli studi di fattibilità tecnica preliminari ad attività di ricerca industriale o di sviluppo sperimentale sono finanziabili a condizione che l’intensità di aiuto non superi:
    – per le PMI il 75% dei costi ammissibili per gli studi preliminari ad attività di ricerca industriale e il 50% dei costi ammissibili per gli studi preliminari ad attività di sviluppo sperimentale;
    – per le grandi imprese, il 65% dei costi ammissibili per gli studi preliminari ad attività di ricerca industriale e il 40% dei costi ammissibili per gli studi preliminari ad attività di sviluppo sperimentale.
    b) per progetti di ricerca: i costi ammissibili del progetto, suddivisi per specifica fase della ricerca, sono finanziati fino al:
    – 100% dei costi ammissibili per la ricerca fondamentale
    – il 50% dei costi ammissibili della ricerca industriale;
    – il 25% dei costi ammissibili dello sviluppo sperimentale;
  • Aiuti a finalità regionale: le intensità massime di aiuto sono le seguenti:
    – 10% ESL per le grandi imprese;
    – 20% ESL per le medie imprese;
    – 30% ESL per le piccole imprese;
  • Grandi progetti di investimento:
    – 10% ESL indipendentemente dalla dimensione di impresa (intensità base).
I costi ammissibili, sono i seguenti:

  1. per progetti di ricerca e sviluppo: spese di personale; costi per strumentazione ed attrezzature; costi di fabbricati e terreni; costi della ricerca contrattuale, delle competenze tecniche e dei brevetti; spese generali; altri costi d’esercizio;
  2. per aiuti a finalità regionale e per i Grandi progetti di investimento: costi relativi ad attivi materiali ed immateriali.
Il contributo sarà corrisposto con le seguenti modalità e scadenze:
  1. grandi imprese, università, organismi di ricerca:
    – una prima quota del contributo a fondo perduto è erogata a titolo di anticipazione, a fronte di idonea garanzia fideiussoria per l’intero importo erogato, a garanzia dell’esatto adempimento delle obbligazioni assunte dal beneficiario;
    – successive quote sono erogate a seguito della rendicontazione delle spese, previa verifica dell’effettiva realizzazione delle spese ammesse e degli investimenti realizzati;
    – il saldo del contributo complessivo concesso è erogato dopo l’ultimazione del progetto e previa verifica finale finalizzata a valutare, sia la effettiva realizzazione sia la coerenza del progetto realizzato rispetto a quello ammesso all’aiuto, sia la pertinenza e la congruità dei costi effettivamente sostenuti;
  2. piccole e medie imprese:
    – contributo a fondo perduto: viene erogato con valuta corrente in un’unica soluzione a saldo, che potrà essere effettuata solo successivamente alla presentazione e verifica della rendicontazione dei costi totali riconosciuti ammissibili nonché di una verifica finale finalizzata a valutare, sia la coerenza del progetto realizzato rispetto a quello ammesso all’intervento agevolativi sia la pertinenza e la congruità dei costi effettivamente sostenuti;
    – finanziamento agevolato: l’eventuale finanziamento agevolato (composto da fondo regionale + fondo bancario), qualora concesso, viene erogato dalla banca prescelta dal richiedente e convenzionata con la Regione Piemonte ovvero con il soggetto individuato come gestore in un’unica soluzione ad avvenuta sottoscrizione della convenzione.

Consulenze; Opere Murarie; Impianti e Macchinari; Brevetti; Software; Spese generali; Costi del personale

Investimento minimo

€ 10.000.000

Investimento massimo

€ 0

 

TEMPISTICA INVESTIMENTO

La tempistica dell’attività istruttoria delle domande di ammissione all’intervento agevolativo viene definita in sede negoziale.

Sono previste due fasi di verifica:

 

  • Verifica formale di ricevibilità della domanda, effettuata da un Comitato di valutazione, composta da almeno due rappresentanti della Regione Piemonte ed almeno un valutatore esterno esperto nel campo in cui insiste il progetto, con l’ assistenza tecnica di Finpiemonte spa.
  •  Verifica di approfondimento tecnico e di eventuale negoziazione.

 

La fase di verifica di merito è effettuata applicando criteri specifici adeguati alla tipologia di operazioni e progetti che si intende finanziare, tra i quali:
– validità ed originalità dei contenuti scientifici della proposta e/o innovatività delle metodologie
– utilità industriale del progetto e capacità dello stesso di accrescere la competitività e lo sviluppo del sistema economico locale
– qualità e idoneità dell’eventuale soggetto collaboratore al progetto
– ricadute scientifico – tecnologiche ed impatto potenziale del progetto sulla diffusione di processi innovativi proposti.

Con successivi provvedimenti la Direzione regionale Innovazione, Ricerca e Università definirà gli atti necessari all’attuazione della misura.

DATA APERTURA

DATA CHIUSURA

 

Clausola di esclusione di responsabilità
Warrant Group srl non assume alcuna responsabilità per quanto riguarda il contenuto della scheda e ricorda che fanno fede unicamente i testi della legislazione pubblicati nelle edizioni cartacee della Gazzetta Ufficiale e/o Bollettini Ufficiali Regionali e/o qualsiasi altra pubblicazione ufficiale. Warrant Group S.r.l — Corso Mazzini,11 – 42015 Correggio (RE) Italia – Tel. 0522 7337 – Fax. 0522 692586

Categories

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la vostra esperienza di navigazione. Navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie e alla conservazione sul tuo dispositivo. Leggi l'Informativa sulla privacy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi